Poetica del Commento

(Opera dal Web)

False Illusioni

Quando si è giovani, si ha fretta di arrivare
tanta voglia di scoprire
tutto ciò che la vita ci può offrire.

Tra articoli e commenti,
tra comizi  e movimenti ,
ci si affanna per cambiare
quel qualcosa che va male.

Si vorrebbe realizzare,
un bel mondo un po' irreale
che fornisca un po' di spazio
a ciascuno che vuol dire, che vuol fare o che vuol dare.

La parola non ci manca,
ma non basta lei soltanto ad aprire le frontiere
tra il fare, il dire e l'avere.

Dei giovani si parla, riempiendosi la bocca:

"Sono loro che hanno in mano, l'avvenire dell'umano!"

Ma se rifletti attentamente,
ci si accorge mestamente
che l'età è una prigione con un grosso catenaccio,
se non hai un Santo in cielo, rischi al ver di rimanere
con la mano sul sedere.

Oramai nessuno invecchia,
tutti vogliono restare, sia nel bene che nel male,
a quei posti di comando
che hanno fatto tanto danno,
derubando un poco tutti,
senza dare molti frutti.

Ma i giovani non hanno delle buste da riempire!
Le lor tasche sono vuote, come pure l'avvenire.

Non c'è spazio per chi è al verde!
Se non hai, nessun ti dà!
Così muoiono i bei sogni, diventando realtà.

Anna Grazia Zurlo

                                                                                                                                     17/05/1987

Visite: 26858