Poetica del Commento

(Opera dal Web)

Il risveglio

Il corpo intorpidito si tende, le palpebre svogliate si aprono benevoli colpite da un fievole raggio di luce.

Pigramente, spalanco la finestra nel grigio cielo.
Non odo nulla di armonioso come il cinguettio di un passero grato al sole.

L'aria densa, intasa l'olfatto!

Dov'è finita la frizzante aria mattutina fresca di rugiada che un tempo accompagnava i miei risvegli?

Il suo ricordo, forse, non rivive più neanche nei miei pensieri!
La mente, ormai carica di problemi, ha quasi paura di aprirsi alle antiche dolcezze.

Rumore e puzza accompagnano la frenetica corsa al denaro dell'uomo.

Grigi gabbiani svolazzano, ripescando qua e la vecchie buste intrise di detersivo e poco distante altri giacciono con le zampette irrigidite e le bianche ali cariche dei nostri rifiuti.

L'occhio scruta in cerca di colore.
Forse laggiù un arcobaleno!

Ma non è così, sono solo i fumi colorati delle sostanze chimiche che inarrestabili tingono il cielo.

Nel vecchio portone scorgo la delicata fronda di una rampicante che fa capolino da dietro la persiana e sul grande arco un passero un po' smarrito ed arruffato emette un solitario cinguettio.

Non è molto, ma adesso ... ricordo!

Anna Grazia Zurlo

10/11/1975

Visite: 26852