Poetica degli Affetti
 


(Opera dal Web)

 

MEA CULPA

 

L’inutile solfeggiar di versi

in un passato che trema

al semplice ricordo…

altro non è che colpa!

 

Se quel che è stato

e se male ha commesso,

il sentenziar non sferra colpo

e lacrime, flebile rigagnolo,

nel loro scorrer lasciano dolorosa scia.

 

Se vita è viver nel trascorso…

scelgo quel che di bello v’ho trovato

giacché il futuro... a me... è celato!

 

Le ore, nel presente, scandiscono

il mio tempo nell’immediato divenire…

 

Leggero il bagaglio, attenta la vista e lesto il passo

perché ciò che non colgo è già passato

e di quel che non ho vissuto

sol polvere è rimasta….

e nel rimpianto vi è solo la mia colpa.

 

Anna Grazia Zurlo

21/09/2018

Visite: 31872