Poetica dell' Ispirazione

 

 

Poeta sconosciuto

 

 

Poeta sconosciuto ti lessi, per caso,

in una noiosa sera come tante.

 

Senza nome erano i tuoi versi,

una catena di parole contrite,

espresse in deliranti pensieri.

 

Un rebus da svelare... e mi fermai!

 

Mi fermai e rilessi

con voce sgomenta e tremula.

Ma non era questo il tuo canto...

ed ancor rilessi.

 

Lessi col cuore la poesia,

la poesia di ciò che non c’era scritto

perché molto più sublime era il suo incanto.

 

Un grido senza voce,

un mormorio sommesso,

un languido rimpianto mai espresso.

 

E ti ho visto in un riflesso sfocato…

E che mi vedo... in una noiosa sera come tante.

 

Anna Grazia Zurlo

14/10/2016

 

Visite: 34133